Como, l'attacco compensa la difesa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Vi presentiamo il Como, prossimo avversario della Cremonese nella 14esima giornata di campionato

E' stato ad un passo dal fallimento, e dopo un'estate travagliata, iniziata con la retrocessione in B e culminata con le note vicende societarie, il Como si è rimesso in carreggiata e sta conducendo una stagione discreta se pensiamo a quelle che erano le premessi d'inizio campionato. I lariani, infatti, sono attualmente all'ottavo posto con 19 punti (5 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte), in piena zona play-off.

Il problema sta nella difesa, la quale, nonostante mister Gallo schieri la squadra con un prudente 5-3-2, si è fatta imbucare per ben 18 volte. Per trovare una difesa peggiore bisogna scendere al 17esimo posto con la Lupa Roma a 19. Per loro fortuna, i lariani sono una squadra che segna abbastanza (18 anche il numero dei gol fatti), ma soprattutto riesce a mandare in gol tanti elementi, 12 fino ad oggi. Il bomber è l'ex Cuneo Chinellato con soli 3 centri, uno in più del suo compagno di reparto Le Noci, ex Cremonese assieme al centrale difensivo Briganti ed al mediano Fietta (attualmente infortunato).

E' una squadra che va affrontata molto attentamente, più ancora delle altre per il tasso di esperienza che propone nella formazione titolare, ad esempio, oltrei ai già citti Briganti, Fietta e Le Noci, anche i difensori centrali Nossa e De Leidi (ex Cittadella, che però sarà assente per squalifica come il suo compagno di reparto Ambrosini) ed i mediani Di Quinzio (ex Spal) e Cristiani. Da segnalare anche la presenza dell'attaccante Bertani, ex punto cardine del Novara di Tesser e rientrato recentemente dalla squalifica per scommesse, e del terzino sinistro Sperotto, proveniente dal Carpi ma diventato famoso per aver registrato lo sfogo del tecnico dell'Arezzo, dove era in prestito, Eziolino Capuano; successivamente, è stato messo fuori rosa e girato all'Alessandria.