Empoli, battuti record su record

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Vi presentiamo l'Empoli, prossima avversaria della Cremonese nella 40° giornata del campionato di Serie B 2017-2018

Banner La Locanda del Contadino

Cremonese crocevia di una stagione da record dell'Empoli. Dopo la gara d'andata, terminata con un pareggio per 1-1 in virtù delle reti di Donnarumma e Brighenti (ultima volta che ha timbrato il cartellino), i toscani hanno esonerato il tecnico Vivarini affidando la panchina all'ex romanista Andreazzoli. Mossa un po' a sorpresa dato che gli azzurri erano quinti a -5 dalla vetta occupata dal Palermo, ma rivelatasi alla fine azzeccata visto l'esito trionfale e le sue modalità. Promozione aritmetica ottenuta con 4 giornate d'anticipo e tanti record battuti: 24 partite da imbattuti, superando il record dello stesso Empoli del 2004/2005 targato Somma; 28 gare a segno, battendo il Pescara di Zeman; 83 gol segnati in 38 giornate come mai nessuno era riuscito; 17 partite segnate con almeno 3 reti.

Uno dei segreti della cavalcata è sicuramente il passaggio dal 3-5-2 di Vivarini - con cui avevano ottenuto 8 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte - al 4-3-1-2 che ha fruttato 14 vittorie e 5 pareggi, 6 se si considera pure l'ultimo di Carpi che conta fino a un certo punto visto il clima di festa che aveva già inebriato la squadra soltanto qualche giorno prima. 

Come già detto, l'attacco è atomico con i gemelli del gol Donnarumma-Caputo (26 reti il primo, 18 il secondo), capaci di oscurare la non irresistibile fase difensiva che ha permesso ai propri avversari di perforare la porta difesa da Provedel prima e Gabriel poi ben 47 volte. Proprio il portiere brasiliano è stato il colpo di mercato, preso dal Milan - via Cagliari dove era in prestito - per rimpiazzare Provedel, infortunatosi alla tibia, proprio agli sgoccioli del mercato invernale assieme all'esperto difensore centrale Maietta del Bologna (che in cambio ha prelevato il cremonese doc Romagnoli), all'altrettanto esperto centrocampista Brighi dal Perugia e alla punta Rodriguez del Chievo ma in prestito alla Salernitana. Lo spagnolo, che ha timbrato il cartellino 4 volte in 5 apparizioni di cui soltanto 2 da titolare, ha concluso anzitempo la sua stagione già ad aprile a causa di una lesione al legamento crociato anteriore. 

Sarà curioso vedere quale sarà il suo approccio alla partita oramai che il loro campionato è virtualmente finito, perché se da una parte è vero che non hanno più molti stimoli per giocare 'alla morte', dall'altra è vero anche che vorranno fare festa assieme ai propri tifosi e, perché no, consolidare i primati sopraccitati, iscrivendo il loro nome sugli almanacchi della storia del calcio.