Venezia e il sogno chiamato Serie A

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Vi presentiamo il Venezia, prossima avversaria della Cremonese nella 41° giornata di campionato di Serie B 2017-2018

Banner La Locanda del Contadino

Così come a Parma, anche a Venezia si sta sognando la terza promozione consecutiva. Anzi, in laguna l'entusiasmo è forse ancora più grande visto che la società manca dalla massima serie da ben sedici anni. Da allora sono arrivati molti insuccessi e anche tre fallimenti che hanno fatto mangiare la polvere di parecchi campi di provincia suddivisi tra Serie C e D. L'artefice della risalita non può che essere l'imprenditore italoamericano Joe Tacopina, entrato nel mondo del calcio con la Roma nel 2011 e poi col Bologna nel 2014 dopo un primo tentativo andato a vuoto nel 2008. 

Il presidente ha messo da subito mano al portafogli investendo pesantemente nelle strutture e soprattutto sul parco giocatori. Non a caso, quando in inverno ci si è accorti che la squadra rischiava di non entrare nemmeno nei play-off, a gennaio la rosa è stata rinforzata con il difensore Frey dal Chievo, con il trequartista Firenze dal Crotone in prestito a Vercelli, ma soprattutto con il centravanti Litteri, già diventato bomber di 6 gol in 17 partite - alla pari di Zigoni e Stulac - che hanno contribuito alla risalita della squadra sino alla quarta posizione, a -2 dal secondo posto (frutto anche delle ultime cinque vittorie consecutive). L'ex Cittadella ha preso il posto di Salvatore Moreo, ceduto al Palermo per 1,5 milioni di euro.

Sin dalla fine della passata stagione, mister Inzaghi ha ridisegnato la sua formazione passando dal 4-3-3 ad un quadrato 3-5-2 che, oltre a esaltare la regia del giovane promettente Stulac, fa della forza difensiva il suo punto forte. Sono 37 i gol subiti dagli arancioneroverdi, miglior difensa del campionato a pari merito col Parma, numeri che possono permettere all'attacco di non essere uno dei più prolifici con 55 reti segnate.

All'andata è finita con un pareggio per 1-1 con rete di Cavion, pareggio di Moreo e palo finale di Paulinho che suggella la divisione finale della posta in palio.